inquinamento

Citiamo volentieri il bellissimo articolo di Gianandrea Ferrajoli sull’ultimo WIRED: “Una risposta concreta e puntuale al problema dell’inquinamento è sicuramente l’LNG o GNL (gas naturale liquefatto): un carburante eco-compatibile in grande ascesa nel settore dei trasporti e della logistica che favorisce una riduzione stimata del 25% delle emissioni di CO2 e di oltre il 90% di NoX particolato. L’uso dell’LNG è anche strategico ai fini del risparmio e dell’efficienza dell’autotrasporto in termini economici. Grazie all’impegno politico congiunto di UE e governo italiano, e a progetti europei come l’Lng Blue Corridors, il numero di stazioni di rifornimento è in costante crescita. Sono 115 le stazioni già esistenti in tutta Europa, con 45 nuove in arrivo. Numeri che descrivono già oggi una copertura sostanziale delle principali tratte di trasporto merci, italiane ed europee. Proprio il crescente numero di punti di rifornimento sui principali assi viari europei ha contribuito a rendere l’LNG un’alternativa valida rispetto al diesel.”

Poi parla di disruption a proposito di logistica e blockchain. Ma noi crediamo che ci sarà disruption con l’avvento del bioLNG.

Articolo intero: https://www.wired.it/amp/226493/attualita/ambiente/2018/12/11/trasporti-logistica-inquinamento-food-delivery/